Le Grotte di Osimo

Sotto la città di Osimo si estende una vasta rete di gallerie scavate nel tufo. Queste vie silenziose collegano i principali palazzi cittadini e si estendono ben oltre, in un titanico labirinto in cui è molto facile perdersi.
Non si è ancora data completamente risposta a tutti i misteri che si celano in questi luoghi, ma di una cosa si è certi, le antiche camere sotterrane furono frequentate da 2 ordini cavallereschi molto famosi, i templari e i cavalieri di Malta.

Nelle grotte di Osimo si trova una simbologia molto cara ad entrambi gli ordini, quella del labirinto, inteso come percorso nelle tenebre alla ricerca della luce.
Nel labirinto si possono osservare statue di divinità pagane come Dioniso e Mitra, la loro presenza suggerisce una forma di rito iniziatico al quale i novizi cavalieri dovevano sottoporsi, risolvendo indovinelli e enigmi per cercare di arrivare alla fine del labirinto e rinascere come cavalieri oppure perdersi in esso e perire nell’oscurità.

Il censimento odierno delle grotte ne conta ben 88 per un’estensione di 9000 metri. Sono disposte a doppio pettine, ovvero l’ingresso di una camera è posto di fronte a quello di un’altra. Le grotte si dispiegano a diverse altezze a volte collegate da pozzi verticali. L’altezza delle grotte è costante sui 2,50 metri e circa 140 cm di larghezza, questo fa pensare ad un unico progetto per l’intera struttura.
Si è certi che questi cunicoli, siano stati usati anche per lo stoccaggio dei cibi, per la fuga, per l’estrazione della pietra e ci sarebbero tracce anche del passaggio di acqua.

Tra le grotte più famose vi sono sicuramente quelle poste sotto palazzo Simonetti, ricche di simbologie templari.
Palazzo Simonetti, che era proprietà della famiglia dei Sinibaldi, famiglia di estrazione guelfa assai influente nel XII secolo, si dice avesse contatti direttamente con Carlo d’Angiò. Si narra che tra i suoi componenti potesse annoverare anche vescovi, massoni e Cavalieri di Malta, ad essa succedette la famiglia Simonetti, anch’essa può contare tra le sue fila massoni, cardinali e letterati.

Le grotte che sorgono sotto il palazzo sono costellate da molte croci templari e dei Cavalieri di Malta, inoltre si può notare un simbolo di grande importanza per i templari, la triplice cinta, chiamato anche labirinto, questo simbolo ha un profondo significato iniziatico e spirituale per gli appartenenti all’ordine, e verrebbe utilizzato solo in luoghi molto importanti per l’ordine.

La grotta sotto il palazzo è a pianta quadrata con 3 ingressi per ogni lato, una delle letture che sono state avanzate è che per i templari questa grotta rappresentasse Atlantide o il Tempio di Salomone o addirittura Gerusalemme Celeste, tutte costruzioni leggendaria che erano dotate di 12 ingressi, inoltre richiama il numero 3, numero caro all’ordine che simboleggerebbe la lotta del bene contro il male. Un’altro simbolo distintivo dell’ordine è la sirena a 2 code, immagine sacra che spesso è ritratta in edifici templari.

Altre grotte che vale la pena visitare sono quelle poste sotto Palazzo Campana.
Qui giacciono scolpite sui muri moltissime figure, senza un preciso significato, queste rimangono uno dei misteri più affascinanti in Italia. Sono state avanzate molte ipotesi sulla provenienza delle figure, alcuni le attribuirebbero alla guerra gotica, Osimo infatti subì due assedi che obbligarono la popolazione a lunghi periodi di permanenza sotterranea, in cui i cittadini avrebbero avuto il tempo di scolpire il malleabile tufo.

C’è chi li attribuisce ad un popolo antico, parente dei celti, perchè le raffigurazioni assomiglierebbero allo stile druidico che si può ritrovare in nord europa. La più titolata delle ipotesi vuole che le figure vennero realizzate su ordine di un massone, Andrea Vici, egli era un architetto che partecipò alla ristrutturazione del palazzo. Questa ipotesi è la più accreditata perchè il Vici militava nelle fila degli illuminati di Baviera, gruppo massonico che era solito ornare i luoghi delle riunioni con figure allegoriche.
L’elenco di figure sarebbe lungo, sono ben 34, su di esse sono stati fatti approfonditi studi e date varie interpretazioni, la più curiosa è quella che trova delle somiglianze tra il famoso libro dei morti egizio e queste figure, le somiglianze risiederebbero nella disposizione e nella rappresentazione.

La più strana tra le grotte di Osimo è quella sotto Palazzo Matteotti, questa viene definita la “Grotta Proibita”, chiamata così perchè essendo di proprietà privata non è facile ottenervi l’accesso. La grotta è di forma circolare con un’unica colonna posta al centro e 5 nicchie poste su tutta la circonferenza. La somiglianza con un antico mitreo romano è impressionante. Un mitreo era un tempio dedicato al Dio Mitra. Un sedile di pietra corre attorno alla circonferenza posto sotto le nicchie. Un’enorme maschera rappresentante una donna osserva la panca di pietra. Questa tipo di sala non è unica in Italia, ne sono state ritrovate in altri luoghi dalla forte predominanza templare. La sua funzione rimane misteriosa e sconosciuta.

Osimo è famosa per un’altra stranezza, le statue acefale, presso il palazzo municipale troviamo 12 statue a cui è stata mozzata la testa, si dice che vennero decapitate per sfregio nel 1400, in seguito ad un assedio. Le statue risalenti all’epoca romana dovevano ornare il Foro o altri importanti ambienti pubblici.
Le statue sono a grandezza naturale, e sono poste su basi che riportano iscrizioni onorifiche, la maggior parte di esse rappresentano uomini in toga, probabilmente appartenenti al senato romano, una di esse potrebbe essere una rappresentazione di Zeus, altre 2 rappresenterebbero 2 matrone. La datazione le colloca tutte tra il I secolo a. C. e il II secolo d.C.. L’autore della decapitazione sarebbe un milanese, Giangiacomo Trivulzio che nel 1478 conquisto la città dopo un assedio e confiscò le teste in segno di spregio.

Team Mistery Hunters

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...