Chi o cosa ha creato il ‘Nido dell’Aquila’ siberiano? Un meteorite , una bomba atomica o i detenuti dei gulag?

The origin of the Patomsky crater has baffled scientists for decades and theories for its existence have ranged from a nuclear bomb blast, a secret Gulag mine and meteorite strikeScientists now think that there is something with a high iron content and ferromagnetic materials buried some 100 to 150 metres underneath the crater (pictured)  article-2553841-1B450DDC00000578-0_634x380 The crater was named Patomsky after a nearby river and was discovered in Siberia (pictured) by a geologist called Vadim Kolpakov who tried and failed to arrange a scientific trip to examine the site. The cone is 80metres tall and has a diameter of 150metres at its widest. The depth of the inner circle ditch is around 10metresImmagine

-Gli scienziati sconcertati
-Il sito in Irkutsk , in Siberia , è stato scoperto nel 1949 da un geologo ma alcuni scienziati hanno teorizzato che il cratere
Patomskiy sia stato creato da un meteorite: ma nessuna traccia di frammenti meteorici sono stati trovati a supporto di questa teoria.
-Si anche ipotizzato che sia vecchio di 250 anni e cambi forma costantemente.

di Sarah Griffiths
[Pubblicato il: 12:31 GMT, 7 February 2014 | UPDATED: 13:14 GMT, 7 February 2014]

Quando un geologo si imbattè in un cumulo enorme di pietra 65 anni fa, di sicuro non ebbe idea che la sua scoperta avrebbe innescato uno dei più strani misteri scientifici del mondo. Il sito in Irkutsk, Siberia è stato scoperto nel 1949. Ha una forma di un enorme cono convesso con un incavo a forma di imbuto ed una collina arrotondata nel mezzo, che assomiglia un po ad un nido d’aquila con un uovo incastonato al suo interno. L’origine del cratere Patomskiy ha sconcertato gli scienziati per decenni e teorie per la sua esistenza hanno spaziato da una esplosione nucleare ad una miniera di un gulag segreto o ad un impatto meteorico.

L’opinione più diffusa è che il sito sia stato effettivamente creato dall’impatto di un meteorite, ma nessuna prova è stata trovata a sostegno della teoria.

Il cono ha un altezza di 80 metri e ha un diametro di 150 metri nella parte più larga. La profondità dell’avvallamento interno è di circa 10 metri. Il nome “Patomskiy” è stato ricavato dal nome di un fiume vicino che è stato scoperto da un geologo chiamato Vadim Kolpakov il quale ha provato, ma con esito negativo, ad organizzare un viaggio scientifico per esaminare il sito. Numerose spedizioni hanno avuto luogo da allora e una di queste è riuscita a raccogliere campioni per effettuare degli studi approfonditi. Alcune teorie hanno azzardato addirittura che il cumulo altro non sia che una specie deposito di materiale di scarto (discarica)
gigante. Ma la densità della popolozione in zona è così scarsa che non si riesce ad avvalorare neanche questa idea. Storicamente non ci sono mai stati ne campi di lavoro o gulag nella regione. Mezza tonnellata di campioni sono stati prelevati dal sito e rimossi con l’ausilio di  l’elicottero nel 2013.

I campioni hanno portato gli scienziati a scartare definitivamente le idee che riguardano un’esplosione nucleare, visto che la radiazione di fondo presso il sito è bassa e non vi è traccia di uranio nelle vicinanze.
Questo dato ha lasciato due teorie principali: quella del vulcano e quella del meteorite .

Tuttavia, il sito misterioso non ha tracce di un qualsiasi materiale meteoritico e la zona geologicamente non è nota per essere vulcanica.In realtà non ci sono vulcani nel raggio di migliaia di chilometri del cratere Patomskiy il quale sembra anche essere relativamente giovane.Gli scienziati pensano che il cratere abbia tra i 100 e 500 anni e che potrebbe essere il risultato dell’enorme esplosione data dal bolide di Tunguska , che cadde nella regione di Krasnoyarsk nel 1908, ma il cui cratere non è mai stato scoperto.
Si pensa che il meteorite sia stato avvistato a soli 70 km di distanza dal ‘nido d’aquila’ e che la distanza sia stata solo di 10 o 15 secondi. Come l’evento di Tunguska si è verificato nel 1908 , l’età coincide , ma i test moderni hanno dimostrato che il cratere potrebbe avere in realtà circa 250 anni – in modo che potesse essere stato formato da un meteorite precedente, caduto quando la zona era praticamente disabitata.

Gli scienziati ipotizzano che ci sia qualcosa con un alto contenuto di ferro e materiali ferromagnetici interrati tra i 100 e i 150 metri sotto il cratere. Essi ritengono che potrebbe essere un meteorite o un altro oggetto INCREDIBILMENTE DENSO, ma ciò non sembrerebbe ancora dimostrato.

Il fatto che il cratere sia ‘vivo’ , proprio per la sua forma che cambia continuamente – in altezza – e che gli alberi nelle vicinanze del sito  hanno una velocità di crescita eccessivamente veloce, aggiunge mistero al mistero.

FONTE: http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2553841/Siberian-eagles-nest-continues-baffle-scientists-Theories-250-year-old-mound-formed-range-meteorite-strike-nuclear-blast.html#ixzz2su5j9KNI

tradotto e portato all’attenzione da
Aurelio Gioia – Team Mistery Hunters

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...