OOPART: ESISTEVA L’ENERGIA ELETTRICA NELL’ ANTICHITA’?

OOPArt

OOPART è un termine che deriva dall’acronomico inglese Out Of Place ARTifacts (reperti o manufatti fuori posto). Il termine sembrerebbe essere stato coniato dal naturalista americano Ivan Sanderson trovatosi difronte ad oggetti anacronistici non riuscendo a catalogarli e posizionarli storicamente.
Come ben noto da questi ritrovamenti si è sviluppata tutta una cultura detta archeologia misteriosa che sembrerebbe attirare molti studiosi, ma anche gente comune.

Le rovine di Cuzco, Puma Punku, Tiwanacu, la cosiddetta batteria di Baghdad, i teschi di cristallo per citarne alcuni, sono l’esempio di tecnologia avanzata impossibile secondo le nostre fonti nelle epoche nelle quali sono state collocate.
Alcuni sostengono la meraviglia di questi oggetti e luoghi, altri trovano delle connessioni con i nostri tempi e con delle sinapsi temporali danno una spiegazione dell’utilizzo e della realizzazione abbinata ai nostri tempi. E non riuscendo a trovarne una spiegazione prendono in considerazione “l’aiuto” extra – terreno. Ed è proprio iniziando a toccare questo argomento che si inizia a sminuire e a dare fantomatiche spiegazioni agli Ooparts.

Ma andiamo nello specifico:

Il termine elettricità deriva come facilmente riscontrabile dal greco “electron” sostantivo che sta ad indicare l’ambra, infatti già nell’antichità era nota la caratteristica della gemma di attirare, dopo essere stata sfregata con un panno di lana, piccoli corpuscoli.
bbagcut

pila_di_baghdad
Dunque questo può dimostrare che nell’antichità era conosciuta l’energia elettrica?
Ritrovamenti come la pila di Bagdad o anche altri oggetti ritrovati in America del sud, di epoca pre-colombiana sembrano realizzati grazie all’ elettrolisi ed ad esempio i tratti delle antiche mura di Gerusalemme che sembrano saldati tra loro, sembrano confermare questa ipotesi.
Probabilmente per pochi eletti e con conoscenze o reminiscenze vaghe e lacunose il “segreto” dell’elettricità fosse stato trasmesso dall’antichità fino a tempi più recenti, come presso gli alchimisti del XVIII secolo o le confraternite giapponesi di fine ottocento, cambierebbe di certo la nostra visione della storia, ma considerando che tale conoscenza rimase sostanzialmente inutilizzata, come fu per la conoscenza dell’energia del vapore in epoca ellenistica, potrebbe semplicemente essere una parte della scoperta.

Padre Hugo Enomiya-LassalleLa nel suo libro Zen e spiritualità Cristiana parlava di una conoscenza intuitiva delle cose o “coscienza magica” che noi abbiamo perso, non solo ha portato alla scoperta dell’energia convenzionale ma probabilmente anche ad una forma di energia a noi ancora sconosciuta. Per intenderci ci sono teorie secondo le quali una civiltà primordiale e mondiale se così si può definire, che portava con sè segreti e “conoscenze” che neanche oggi saremmo in grado di spiegare ed utilizzare, usava questa conoscenza e queste energie. Questo perché tale forma di energia è strettamente legata alla consapevolezza sia per la percezione che per l’utilizzo. Per percepirla bisogna entrare in uno stato di attenzione detto comunemente di coscienza intensiva che si concretizza con la meditazione dal passaggio dalle onde cerebrali alfa a quelle beta e lo stesso vale per “muoverla”. L’energia di cui stiamo parlando è il fuoco segreto degli alchimisti,il “segreto” fuoco degli alchimisti uno stato di “armonia con il Creato”, che permette a colui che opera alchemicamente di congiungere «la terra con il cielo» e conseguire una condizione psicofisica fuori dall’ordinario. L’operatività alchemica apporta una conoscenza profonda delle leggi della Natura e determina un equilibrio psicofisico che favorisce un’attiva sinergia tra l’anima dell’operatore, l’Anima del Mondo ed il Principio metafisico assoluto.
Le finalità dell’alchimia interiore sono, infatti, quelle di “purificare” la struttura psicofisica dell’uomo, creando il cosiddetto “vuoto dell’anima” e, in tal modo, dare spazio alle manifestazioni metafisiche dello spirito, che nella pratica ermetica assumono il significato di un “dialogo” con il proprio Nume o Genio, ponte tra le dimensioni terrene e quelle ultraterrene. La stessa energia che i maghi rinascimentali chiamavano l’agente universale, le serpi di terra dei sacerdoti Caldei, i draghi sotterranei del feng-shui, il mana degli sciamani. Tale energia si manifesta nell’uomo influendo sui processi che ne regolano la vita (secondo la tradizione è proprio questa energia, detta “spirito” che tiene in vita l’organismo umano), denominata prana presso gli indiani, qi presso i cinesi.

In quale modo veniva utilizzata questa energia?

Tutti avranno presente la potenza dell’Arca dell’Alleanza e dei miracoli di Mosè e ugualmente le sventate invasioni di Delfi perpetrate dai Celti ed infine il potere dei maghi che pretendevano di dominare tali “serpi” e di poterle scagliare contro gli uomini incenerendoli. Si parla di energie presenti nel cosmo e nell’uomo. L’importanza della “connessione” con l’universo ci rimanda sia alla tradizione iniziatica degli sciamani sia a quella dei misteri dell’antichità, come quelli egizi, greci e di tutte le popolazioni della mezzaluna fertile e che passerà attraverso la magia e le scuole esoteriche che spesso né traviseranno il significato. Dopo una preparazione interiore a livello energetico, si incanalavano e utilizzavano anche le correnti energetiche della madre terra e le si sintonizzavano grazie ai complessi megalitici di cui questa è la funzione, come spiega il fatto che le pietre usate per erigere tali monumenti non siano state scelte a caso, ma siano composte in gran parte di pirite e di quarzo due materiali che fungono da “magazzino” per l’energia e ne cambiano la frequenza.

Dunque alla luce di queste considerazioni la risposta alla domanda postaci all’inizio di questo articolo, non potrebbe essere altra che si.
Anche se personalmente ritengo che non solo quello può essere per quanto assurdo considerato plausibile, ma forse mille altre conoscenze ed energie a noi attualmente ancora nemmeno note.

Giuseppe Oliva Team Mistery Hunters

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...